Rubrica: Pillole d’Informatica – Utilizzare al meglio LibreOffice Writer – parte 4

Mister Tuty

Bene bene, eccoci qua ancora una volta per approfondire l’utilizzo di LibreOffice, la suite gratuita di office automation utile per scrivere documenti, creare fogli elettronici, presentazioni e quant’altro.

Nelle scorse settimane abbiamo parlato di:

Oggi continueremo a migliorare il nostro documento di prova, quindi inseriremo l’oggetto, il contenuto e attenzioneremo la sua formattazione.

COMINCIAMO

Riprendiamo quindi il nostro documento di test adottato nei precedenti articoli.

Oggi esordisco dandovi un piccolo suggerimento operativo. Molti trovano difficoltà nel comprendere come è stato formattato il documento e ad esempio, non riescono mai ad individuare l’ultimo paragrafo inserito.

Dovete saper che ogni documento ha dei codici nascosti che identificano la tipologia di operazione eseguita sullo stesso documento, ad esempio tabulazioni, rientri paragrafo, spazi, ecc…

Per visualizzare i cosiddetti “caratteri nascosti”, bisogna cliccare su una certa iconetta che vi indico nella prossima immagine.

Il risultato sarà del tipo:

Passiamo quindi ad inserire l’oggetto della lettera. Posizioniamoci nell’ultimo ritorno a capo che nel nostro caso coincide con l’ultima parola del destinatario ed inseriamo 3 ritorni a capo sempre tramite il tasto invio dalla tastiera.

Noterete che il cursore si trova al limite destro e questo accade in quanto precedentemente avevamo allineato a destra il nostro testo per inserire il destinatario, vi ricordate?

Bene, a questo punto portiamo il cursore sul lato sinistro applicando alla riga l’allineamento a sinistra attraverso il click sulla relativa icona come da immagine.

A questo punto cominciamo a scrivere il nostro Oggetto. Finito di inserire l’oggetto, inseriamo altri 3 ritorni a capo tramite il tasto invio, in modo da portare il cursore più in basso rispetto all’oggetto e cominciamo ad inserire il nostro testo.

L’impostazione sarà simile alla seguente immagine, naturalmente con il testo da voi digitato.

Come potete notare, il testo è completamente allineato a sinistra, non ha quindi una formattazione ben definita, pertanto cominciamo ad ottimizzare l’allineamento applicando il cosiddetto “allineamento giustificato”, cioè il testo allineato sia a sinistra che a destra.

Questo lo realizziamo tramite l’opportuna icona come da immagine.

Naturalmente per applicare l’allineamento, bisogna indicare al programma quale testo vogliamo allineare e quindi bisogna selezionarlo. La selezione del testo può esser fatta cliccando all’inizio del testo, tenendo premuto il tasto sinistro del mouse, trasciniamo la selezione fino all’ultima lettera del paragrafo che vogliamo allineare, quindi molliamo il tasto sinistro del mouse.  La parte selezionata si evidenzierà con colore in risalto.

A questo punto possiamo applicare il nostro giustificato cliccando sull’icona come da immagine

Il testo quindi si allineerà anche a destra. Per migliorare la leggibilità possiamo ancora migliorare il documento applicando ad esempio un rientro di prima linea e nel frattempo aumenteremo anche l’interlinea. Quindi clicchiamo su “Formato”, quindi “Paragrafo”.

La schermata sarà la seguente nella quale potremmo cambiare le varie opzioni

Ma ancora il documento non ci soddisfa e quindi avendo all’interno un elenco di vari articoli, potremmo metterli in risalto con gli elenchi puntati.

Quindi selezioniamo il testo che vogliamo trasformare in elenco puntato e clicchiamo sulla relativa icona come da immagine.

Come noterete gli elenchi puntati sono disallineati rispetto al rientro di prima linea, noi invece vogliamo che lo siano. Quindi, clicchiamo sul simbolino in alto come in immagine e lo trasciniamo fino ad ottenere l’effetto desiderato.

Naturalmente la grafica degli elementi puntati è possibile modificarla, scegliendo le varie opzioni messe a disposizione come da immagine.

Bene, per oggi concluderei qui, ci incontreremo nel prossimo articolo con il quale impareremo ad inserire un piè di pagina e il numero di pagina e tanto altro ancora.

Come sempre, se hai notato un errore nell’esemplificazione sopra effettuata, puoi scrivermi usando il modulo contatti.

Disclaimer (dichiarazione di esclusione di responsabilità)

Non si è responsabili delle operazioni eseguite dall’utente in seguito alla lettura di quest’articolo. L’utente si assume la responsabilità delle operazioni che andrà ad eseguire sul proprio personal computer.